Italian art patronage quotes

Stephen Chow
21 min readFeb 1, 2023

Le arti sono mantenute da pochissime persone; Sono sempre stati tenuti al passo, quando sono tenuti al passo, da pochissime persone. Un grande mecenate d’arte è un uomo che tiene il passo dei grandi artisti. Un buon mecenate d’arte è un uomo che tiene il passo con i buoni artisti. La sua reputazione coincide con il lavoro che ha patrocinato. Non può essere un imbecille. — Ezra Pound Se un mecenate acquista da un artista che ha bisogno di soldi (ha bisogno di soldi per comprare strumenti, tempo e cibo), il mecenate si rende quindi uguale all’artista: sta costruendo arte nel mondo; lui crea. — Ezra Pound Solo quelli di noi che vogliono letteratura migliore, non più letteratura, arte migliore, non più arte, ci si può aspettare che paghi per questo. Nelle arti la quantità non significa niente, qualità tutto. — Ezra Pound L’unico modo in cui possiamo dimostrare l’amore per le arti è aiutare l’artista, quando possibile. — Edith Sitwell Se le persone preferiscono e comprano cose buone quando le vedono, sarà probabile che le cose buone si facciano, ma se quelli con soldi da spendere non hanno gusto e comprano cose cattive o ordinano cose brutte da fare, allora gli uomini che le avevano in esse sono grandi artisti potrebbero morire inosservati, perché il Le cose belle che avrebbero potuto fare non sono richieste. Oggi molte persone spendono qualcosa per l’arte e alcune spendono molto. Speriamo di non vedere troppo del denaro speso per creare una domanda per ciò che è male piuttosto che per ciò che è bello. — Agnes Ethel Conway non c’è mai stato un momento in cui i commercianti di quadri occupassero così tanto l’attenzione del pubblico, e i pittori così poco; quando c’era più disposizione al traffico nelle arti, e meno a coltivarle; Quando il possesso di celebri quadri era così tanto contestato e la protezione del genio nativo così poco curata. — Martin Archer Shee Sono interessato solo ai valori artistici. La prova dei valori artistici è tempo e non vivrò per sapere se gli uomini in cui ho creduto hanno giustificato la mia fede nel loro futuro. Stimolare gli artisti contemporanei instaurando contatti personali e relazioni amichevoli, conquistare la loro fiducia e aiutarli a capire se stessi e ad avere successo con i propri metodi e intenzioni migliori, resistendo alle tentazioni di ripiegare su un commercialismo di un tipo o dell’altro, una tale politica che considero di massima importanza. — Duncan Phillips Se, in questo nostro giorno, la dovuta remunerazione fosse accordata a uno sforzo eretto, ci sarebbero opere ancora più grandi e molto migliori eseguite di quanto non siano mai state prodotte dagli antichi. — Giorgio Vasari, fintanto che i più alti riconoscimenti e saluti vengono conferiti quasi esclusivamente ai grandi artisti che un tempo esistevano, e le cui opere sono fin troppo apprezzate quando sono sofferenti per escludere la nostra sensibilità alle attrazioni di apertura dei figli nati più giovani del genio in Il nostro tempo e il nostro paese, un blight viene prodotto nell’atmosfera delle arti che stimola la loro crescita. — L’esaminatore del 26 aprile 1818, all’apertura della galleria di Sir John Fleming Leicester. Una nazione non ha onore per ciò che acquisisce, ma per ciò che dà, e si avrebbe rispettato infinitamente il signor Morgan se avesse impiegato, o acquistato, o sovvenzionato artisti contemporanei americani. Che questo potrebbe essere stato un investimento non meno redditizio che conto, ma poco argomento. Una cosa vecchia ha una sorta di valore fisso. si acquisisce proprietà acquisendola. È un investimento abbastanza sicuro. Il rivenditore intelligente acquista lavori moderni a buon mercato e lo vive; Ma c’è più rischio nel farlo. “Non si sa mai a meno che tu stesso non ti importi personalmente.” — Ezra Pound Sarai la persona che presta Vincent 10 franchi per comprare la vernice o la persona che rattoppa la sua recinzione con il dipinto? Sarai il monarca che commissiona Velasquez o il monarca che commissiona Lucian Freud? Sarai il critico d’arte che scopre e promuove un artista davvero grande (e sarà il primo che l’abbia mai fatto) o scriverai cose assurde e banali su persone che sono più grandi di te in ogni modo possibile? Ci sono mille modi per essere artisticamente significativi senza mai sollevare un pennello o uno scalpello. — Miles Mathis individuale patrocinio rimane più allettante, ma, afferma [Wyndham] Lewis, una prospettiva in diminuzione in un periodo in cui “nessun individuo è abbastanza sano, o abbastanza spensierato, da diventare il “patrono”. Come Lewis si è sempre affrettato a sottolineare, il patrocinio delle arti era in gran parte un gioco di status per questi ricchi individui, e tali giochi sono stati i primi ad essere ridotti in tempi di difficoltà finanziarie. Solo lo Stato o un’entità corporativa “adatta e cordiale” ha i mezzi per sostenere le arti in tali circostanze, e solo quest’ultima è probabile (se adeguatamente organizzata) lasciare l’attività dell’arte all’artista, piuttosto che metterlo al servizio della propaganda. Ma una tregua per tutto questo e per il business. La tua ultima lettera mi ha fatto sentire in misura singolare come amico. Senza aver mai conosciuto, o anche solo indagato sulla tua posizione finanziaria, ho sempre più che sospettato che tu stessi davvero spendendo tutta la tua fortuna in opere d’arte. Nessun’altra persona vivente può rivendicare un tale titolo alla gloria. Ci sono molti che solleveranno il bisogno, e hanno trovato istituzioni di ovvio bene, ma l’uomo non vive di solo pane, e una collezione come la tua un giorno avrà l’effetto raffinato ed elevante che nessuna delle nostre università, almeno come attualmente costituita, può sperare di produrre. grande sarà la tua ricompensa; Per secoli dopo che i nomi dei tuoi ridicoli e volgari detrattori saranno morti, l’America apprezzerà ancora molto ciò che hai fatto per lei. — Bernard Berenson a Isabella Stewart Gardner Nessuno di questi uomini ha avuto un vero riconoscimento, né un discreto ritorno dal loro lavoro durante la loro vita, e ce ne sono molti oggi che ora vivono nelle stesse condizioni. L’unico rimedio, per quanto posso vedere, arriverà attraverso un pubblico più illuminato, che prenderà il loro coraggio in entrambe le mani, commette errori, migliorerà il loro gusto e tratterà l’opera d’arte, creata con sincerità e senza pensiero di valore commerciale, come oggetto che porterà gratificazione — sì, e miglioramento mentale e morale — mentre è in loro possesso. La maggior parte delle cose che vengono fatte oggi non valgono le preziose risorse di materiale, impegno e spazio che abbiamo dedicato a loro. Ciò non significa che dovremmo abbandonare gli oggetti e cercare altrove il nostro futuro, o che dovremmo tentare di ridurre o addirittura eliminare la nostra dipendenza dal fisico. Al contrario, il motivo per cui abbiamo troppi oggetti insoddisfacenti nelle nostre vite è che non ci interessa abbastanza nessuno di loro. — Glenn Adamson Penso che sia importante supportare gli artisti quando sono giovani. È allora che ne hanno bisogno. Ma più in generale mi interessa pagina 1 di 5 quegli artisti, giovani o meno così giovani, che non salgono sui carri, che hanno i propri demoni e i propri obiettivi da perseguire. Tali artisti sono la loro stessa gente, mentre così tanti sulla scena oggi sono, secondo me, fondamentalmente truffatori, con o senza talento. — Edward Albee Il trucco era trasformare i collezionisti in mecenati attirandoli lontano da un consumismo di investimenti sicuri nei celebri morti e convincerli invece a sponsorizzare la prossima generazione di capolavori. [The Nation] manca di talento preminente nelle arti, manca di vero incoraggiamento; Manca di un autentico patrocinio e del fair play; manca di giudici illuminati; e abili oltre che critici imparziali; Manca, soprattutto, in coloro che governano, o sono investiti dell’influenza dei mecenati, o sono deputati a dirigere l’esecuzione di grandi opere pubbliche, quell’audace spirito d’impresa che, invece di subire loro a insinuarsi tra punte imitazioni, e piccole imprese, li porterà ad adottare Idee alte, grandiose e originali. Nei tempi moderni, c’è stata una tendenza lontano dal patrocinio individuale. È in qualche modo considerato “elitario” e quindi non si adatta allo stampo di alcune filosofie politiche. Quindi, invece, il governo dovrebbe assumersi l’onere di finanziare gli artisti, fornendo arte a tutte le persone in questo modo. Chi può creare e consegnare esattamente quest’arte è scelto dai comitati, nel solito modo del governo. Pochi artisti prosperano e creano grandi opere in questo tipo di ambiente. Che fine ha fatto il patrocinio? sembra essersi estinto completamente. Al giorno d’oggi, miliardi di dollari vengono dati a college, orchestre e altre istituzioni, ma chi dà denaro agli individui, a singoli scrittori e artisti? Il patrocinio era importante nei tempi antichi e nei tempi rinascimentali; C’erano anche persone facoltose a metà del XX secolo che patrocinavano scrittori e artisti. Ma dove sono oggi gli avventori? Abbiamo dimenticato che la cultura è creata dagli individui, non dalle istituzioni? Il finanziamento del governo delle arti potrebbe essere considerato un patrocinio organizzato. Ma è improbabile che i governi finanzino coloro che sono veramente creativi. Riesci a immaginare Van Gogh che riceve una sovvenzione governativa? Il vero patrocinio avviene tra individui e individui. Il modo migliore per i politici di aiutare è abbassare le tasse, in modo che almeno alcune persone possano diventare mecenati o autodiretti. — L. James Hammond Dal punto di vista di un vero mecenate d’arte, un tocco di genio originale vale tutte le copie esistenti; Perché nel fare quel tocco, l’artista sta aumentando, solo così tanto, l’aggregato di bellezza del mondo. È stato un investimento straordinario, ma ha dato i suoi frutti. Il ragazzo era Michelangelo. I Medici non hanno speso frivolo, ma quando hanno notato il genio in divenire hanno corso dei rischi calcolati e hanno aperto i portafogli. Oggi, le città, le organizzazioni e gli individui ricchi devono adottare un approccio simile, sponsorizzando nuovi talenti non come atto di carità, ma come un investimento esigente nel bene comune. — Eric Weiner Mankind non ha perso all’improvviso il suo talento nel fare arte. Ma proprio quello che c’è là fuori in questo momento, che posso vedere, non credo sia un’aggiunta permanente e responsabile alla storia dell’arte. E penso che ci siano cose che non sappiamo in questo momento, che sarà quella preziosa aggiunta. — Eugene Victor Thaw In che modo un mecenate d’arte è diverso da un consumatore di gallerie? La differenza è evidente nelle opere d’arte (ad es. dipinti) che acquistano. Un mecenate d’arte: fa realizzare un’opera d’arte che altrimenti non esisterebbe, ha un’influenza diretta sul contenuto dell’opera d’arte (e quindi sul processo creativo stesso). Al contrario, un consumatore di galleria: seleziona un’opera d’arte già pronta, ha scarso o nessun impatto sul processo creativo. Chiunque abbia soldi può acquistare un’opera d’arte già pronta. Ma per essere un mecenate d’arte richiede di più. Oltre al denaro, un mecenate d’arte deve avere: una buona idea di cosa dovrebbe essere l’opera d’arte, discernimento per selezionare il miglior artista per il lavoro, pazienza e perseveranza per affrontare problemi, ritardi e drammi che accompagnano qualsiasi serio progetto artistico. Essere un mecenate d’arte è difficile. È qualcosa di un’arte perduta in sé. — Karl Zipser nell’acquisto, con il patrocinio dell’arte in vista, dobbiamo ovviamente discriminare. Per essere in grado di discriminare a buon fine, al fine di incoraggiare l’artista serio e compiuto e, per negligenza, scoraggiare il pretendente, dobbiamo studiare seriamente il nostro soggetto. a meno che non si sia raramente dotati e abbia una conoscenza intuitiva di ciò che è fine, sano e salutare e duraturo in tutti i dipartimenti dell’arte, e pochissimi sono così dotati, si deve selezionare un campo ristretto, studiarlo, padroneggiarlo per quanto riguarda l’abilità e l’opportunità, diventa in esso un esperto, o meglio, diventa È quello che possiamo chiamare, per rendere liberamente la frase francese, un onesto dilettante. — John Cotton Dana L’impegno degli avventori per le arti era radicato nel loro orgoglio civico e spirito patriottico, nonché nella loro fede nell’imperativo morale di usare la loro ricchezza a beneficio della società e della cultura. [Nicholas] Longworth e altri del suo tempo credevano che il possesso di opere d’arte da parte di una città dimostrasse illuminazione. L’esempio dell’Europa ha mostrato che l’orgoglio nazionale era legato alla maturità artistica. Senza aristocrazia o regalità in America, le arti dovevano essere sostenute da coloro che potevano permetterselo. Una rinascita nelle arti arriva quando ci sono alcuni mecenati che sostengono il proprio talento e che comprano da uomini non riconosciuti. — Ezra Pound Solo gli amanti dell’arte individuali che prendono decisioni individuali per supportare l’arte che parla loro possono assicurare la salute continua del processo creativo che ci ha aiutato a definirci persone e culture. — David Miller Ma qual è il patrocinio “grande” e qual è il patrocinio “povero”? Per Michael Straight, il grande patrocinio fornisce “discernimento”, “risorse” e “restrizione” — il buon cliente sceglie bene l’artista, offre spazio, portata e finanziamento sufficienti per un buon lavoro e rifiuta di intromettersi nel processo o nel risultato. (Per il modello di povero patrocinio di Straight, possiamo presumibilmente invertire questi termini: un povero cliente manca di gusto o di giudizio, fornisce finanziamenti insufficienti e fa male dove non è desiderato, sia a livello della commissione che al livello di esecuzione.) — Marjorie Garber ora viviamo qui in un mondo di pittura in cui è indicibilmente paralizzato e disgraziato. Le mostre, i negozi per i dipinti, tutto, tutto è occupato da persone che intercettano tutte i soldi. E non devi pensare che lo sto immaginando. Le persone pagano molto per il lavoro quando il pittore stesso è morto. E le persone denigrano sempre i pittori viventi indicando in modo irrilevante il lavoro di coloro che non sono più con noi. So che non possiamo fare nulla per cambiare questo. Per amore della pace bisogna quindi rassegnarsi ad essa, o avere una sorta di patrocinio o affascinare una donna ricca o qualcosa del genere, altrimenti non si può lavorare. Tutto ciò che si spera in termini di indipendenza attraverso il proprio lavoro, di influenza sugli altri, assolutamente nulla ne viene fuori. Eppure è qualcosa di un piacere realizzare un dipinto, eppure ci sono circa 20 pittori qui in questo momento, tutti hanno più debiti che soldi ecc., tutti con uno stile di vita qualcosa di simile a quello di Curs, che forse significherà più dell’intera mostra ufficiale in quanto il futuro modo di lavorare è interessato. La caratteristica principale di un pittore, immagino, è dipingere molto bene; Coloro che sanno dipingere, coloro che possono farlo meglio, sono i germi di qualcosa che continuerà ad esistere a lungo, purché ci siano occhi che godono di qualcosa che è singolarmente bello. Beh, mi rammarico costantemente che non ci si possa arricchire lavorando di più, al contrario. Se si potesse davvero farlo, si sarebbe in grado di ottenere molto di più, essere in grado di associarsi con gli altri e cosa no. Per ora ognuno è vincolato dalla sua opportunità di guadagnarsi da vivere, e uno è tutt’altro che libero, esattamente. Parli di “se avessi inviato qualcosa ad Arti — certamente no — solo Theo ha inviato al signor Tersteeg una spedizione di dipinti di impressionisti e c’era uno dei miei in esso. Tuttavia, tutto ciò che è emerso era che né Tersteeg né gli artisti, così ascoltavano, non avevano trovato nulla in esso. Beh, questo è molto comprensibile perché è sempre lo stesso, le persone hanno sentito parlare degli impressionisti, hanno grandi aspettative su di loro… e quando li vedono per la prima volta sono amaramente, amaramente delusi e li trovano incuranti, brutti, mal dipinti, mal disegnati, di cattivo colore, Tutto ciò che è infelice. — Vincent Van Gogh a Willemien Van Gogh. Arles, tra sabato, 16 e mercoledì 20 giugno 1888. È incredibilmente perverso che artisti, critici, gallerie, musei, collezionisti e le varie agenzie di finanziamento presumibilmente dedicate al sostegno delle arti abitualmente si chinano a moda, moda, artificio e vuoto quando potrebbero sostenere la grandezza e la bellezza. Ora siamo così dissoluti, così morti di spirito, così innamorati della mediocrità nell’arte e nella vita che non abbiamo più lo stomaco per apprezzare o lavorare per la grandezza e la bellezza? — Don Gray Vengo al mio grande crimine, quello che oscura tutti gli altri. Per molto tempo ho acquistato e lodando le opere del cielo di alcuni pittori altamente originali e altamente informati, molti dei quali sono geni, e intendo che gli amanti dell’arte li accettino. — Gli artisti di Paul Durand-Ruel tradizionalmente hanno dovuto affrontare una scelta: rimanere fedeli alla loro vocazione, scambiare la sicurezza finanziaria per la libertà intellettuale — o mettere da parte l’arte a favore di una busta paga costante e delle restrizioni soffocanti che derivano dalla vita aziendale. Ma nell’era attuale, qualcosa è cambiato. Gli artisti ora sperimentano il peggio di entrambi i mondi: lottano ancora per sbarcare il lunario, sopportando tutti i controlli oppressivi che derivano dal esaurimento. Questa politica di obbedienza è tossica per la creatività. Gli artisti hanno bisogno della libertà di esplorare l’ignoto — per seguire i loro pensieri ovunque vadano e per rappresentare le loro convinzioni attraverso l’arte. La creazione di una vera arte è destinata a causare offesa in alcuni casi, ma la pratica deve essere incoraggiata. Altrimenti, l’obiettivo dell’arte sarà placare i critici ideologici, spingendolo così nel regno della propaganda. — Gabriel Scorgie In tempi antichi e d’oro, alcuni seri collezionisti avevano gusti e ambizioni enciclopediche, ma quei giorni sono passati in parte perché la disponibilità di oggetti davvero desiderabili è diminuita e/o è diventata proibitiva per la maggior parte, e in parte perché pochi lo farebbero Tenta l’arduo compito di essere un intenditore in molti, per non parlare di tutti, i campi. — Carter B. Horsley Cosa deve fare l’autore che non può vendere i suoi libri, o l’artista o il musicista a cui viene detto, come Turner o Wagner, che le sue opere possono andare bene, ma non sono per questo mondo? Wagner era vicino alla fame a Parigi; Beethoven, Liszt e molti altri musicisti avrebbero sofferto le fitte della fame se fossero dipese da quell’entità dal cervello di piume chiamata “il pubblico”. Nel nostro paese Edmund Spenser morì “per mancanza di pane”, Milton viveva in povertà, Goldsmith era perseguitato da Duns dalla culla alla tomba, Johnson percorse la notte intorno a St. James’s Square al posto di un letto, Huxley nei suoi primi giorni trovò difficile guadagnarsi da vivere, Carlyle durante i primi quarant’anni della sua vita letteraria non ha mai guadagnato più di un droghiere medio, Browning durante la maggior parte della sua carriera non ha mai guadagnato un centesimo dalle sue poesie. Ora tutto questo non è un caso, né è dovuto a avarizia o durezza da parte dell’editore o del lettore. È dovuto al fatto che i grandi e rivoluzionari scrittori, quegli uomini di genio che derivano direttamente dallo Spirito di Dio, devono essere davanti al loro pubblico. Questa, quindi, è la giustificazione del mecenate: può essere il protettore di un genio non ancora compreso, e così può proteggere il prezioso germe dalla tempesta furiosa o dall’incuriamento appassito di una generazione malvagia o stupida. Il patrocinio delle arti è una nobile passione, condivisa nel corso dei secoli da uomini e donne di discriminazione, gusto e lungimiranza. Spinti dal loro amore per le arti, i patroni di oggi, attraverso le loro benefici, continuano ad aggiungere incommensurabilmente al benessere generale della società che servono. — Rand Castiglia Il genio non consegna all’ordine. Gli uomini non possono migliorare le condizioni naturali e sociali che portano al Creatore e alla sua creazione. È impossibile allevare i geni dell’eugenetica, addestrarli con la scuola o organizzare le loro attività. Ma, naturalmente, si può organizzare la società in modo tale che non rimanga spazio per i pionieri e il loro percorso. — Ludwig von Mises nota che l’opportunità si nasconde dove la responsabilità è stata abdicata. — Jordan B. Peterson Anche se si dice che è impossibile confrontare la qualità in oggetti di culture e periodi diversi, è proprio questo che deve fare un collezionista serio. Se c’è un messaggio nella nostra collezione è che possono essere confrontati diversi oggetti. Qui è classico e primitivo, ma come avrebbe potuto scrivere Kipling, non esiste un classico e nessun primitivo quando si tratta di un vero collezionista. Molte persone che guardano la collezione discernere una caratteristica qualità guennél, ma forse la collezione è più notevole non per gli oggetti stessi ma per la sua dimostrazione del successo che un dilettante può ottenere nel riunire oggetti anche da aree in cui ha poca conoscenza. — Alastair Bradley Martin Le persone che si lamentano della piccolezza e dell’importanza della maggior parte del lavoro svolto in questo paese dimenticano che non è mai stato svolto alcun lavoro importante in nessuna delle arti a meno che qualcuno non lo volesse fatto e fosse pronto a pagarlo. Michele Angelo e Raffaello e i veneziani fecero tutta la loro grande opera su commissione dei dignitari ecclesiastici e civici del loro tempo, e non avrebbero mai potuto farlo diversamente. Tutto il più importante dell’opera moderna in Europa, nella pittura e nella scultura, è stata prodotta in modo simile, sia per ordine di mecenati intelligenti che per la certezza di trovare un acquirente quando l’opera è stata completata. Ma un pittore americano raramente può permettersi di dedicare il suo tempo a una composizione seria, per la semplice ragione che non c’è vendita per questo, e deve dipingere ciò che può vendere. Quando compro per me stesso, compro in base al mio gusto, che spesso non è il gusto museale o il gusto del mercato, è più radicale o eccentrico. Compro cose che personalmente devo guardare, o opere di alcuni artisti che voglio supportare, che potrebbero non essere alla moda. Le opere che mi interessano di più sono quelle non ancora digerite dal pubblico. Il brivido per me dell’arte contemporanea è apprezzare qualcosa prima che venga digerito dal mainstream. Forse il mio obiettivo ora è acquistare solo opere d’arte che altri collezionisti non sono interessati all’acquisto. Anche con questa posizione estrema, sono sicuro che potrei creare una collezione migliore a lungo termine rispetto a coloro che chiedono a gran voce le cose che tutti gli altri vogliono. — Diego Cortez La mia convinzione è che il pubblico sia stufo di tiepide lodi del mediocre… Sono stufo di disprezzare le persone che non si preoccupano del capolavoro, che si sono costituite artisti senza intenzione di produrlo, che non fanno sforzi verso i migliori, che sono Contenuto della pubblicità e dell’elogio dei revisori. Penso che il peggior tradimento che potresti fare è fingere per un momento di accontentarti di uno standard parrocchiale. — Ezra Pound Chi conosci Chi prende sul serio l’arte della poesia? Per quanto seriamente sia come un pittore prende la pittura? Chi se ne frega? Chi se ne frega se una cosa è davvero ben fatta? Chi in America crede nella perfezione e che vale la pena di niente di meno? Chi preferirebbe smettere una volta per tutte piuttosto che continuare a rivelare le false? Chi sosterrà un livello di critica anche quando eliminerà la maggior parte del proprio lavoro? — Ezra Pound Non condanno nessun uomo che abbia realizzato un’arte duratura o anche più o meno durevole. Ma non riesci mai a vedere la differenza tra ciò che è “buono” e abbastanza buono per il pubblico, e ciò che è “buono” per l’artista, il cui unico obiettivo rispettabile è la perfezione? ‘La differenza tra slop entusiasta e grande arte’: c’è un testo su cui predicare nel tuo glorioso deserto illimitato per i prossimi quarant’anni. — Ezra Pound L’unico modo per fare una civiltà è sfruttare appieno quegli individui a cui capita di dare per natura le attitudini, attitudini eccezionali, per lavori particolari. Per exploit intendo dire che devono essere autorizzati a fare le poche cose che loro e nessun altro possono. — Ezra Pound Un ordine sociale assolutamente puzzolente fa del suo meglio per estirpare le arti, e poi ulula per pietà quando un artista diventa saggio. — Ezra Pound In questo paese, il villaggio dovrebbe per alcuni aspetti prendere il posto del nobile d’Europa. Dovrebbe essere il mecenate delle belle arti. è abbastanza ricco. Vuole solo la magnanimità e la raffinatezza. Può spendere abbastanza soldi per cose che gli agricoltori e i commercianti apprezzano, ma si ritiene utopico proporre di spendere soldi per cose che gli uomini più intelligenti sanno essere di gran lunga più degni… poiché il nobile del gusto coltivato si circonda di tutto ciò che conduce alla sua cultura,… genio — apprendimento — spirito — libri — dipinti — statuarie — musica — strumenti filosofici e simili; Quindi lascia che il villaggio faccia. — Henry David Thoreau Una revisione dei valori è utile a una certa età, ma ci vuole una singolare libertà d’animo per allontanarsi dall’accettato. Conosco intelligenze sottili, profondamente capaci di apprezzare pienamente e delicatamente in un’opera le qualità che le vengono indicate, ma altrettanto incapaci di scoprirne di nuove quanto di inventare ragioni per ammirare meno opere che sono state a lungo esaltate. — André Gide Ad essere onesti, trovo un po’ comico come “Collector” sia considerato uno status così grande oggi. Cosa fa un collezionista che è impressionante oltre a salvare l’arte per le generazioni future? In passato, ciò che una persona commissionata era una misura di grandezza. — Karl Zipser Il grande bisogno è una rinascita del patrocinio. In passato, quando le arti fiorivano, godevano della cooperazione attiva e del sostegno di una sezione del pubblico laico. I grandi mecenati si misero a scoprire il talento e a promuovere il suo interesse, perché in quei giorni si riconosceva francamente che la bellezza non si prendeva cura di se stessa, ma che i suoi interessi dovevano essere attivamente promossi, che dovevano essere affidati, riparati, coltivati, e una delle ragioni del nostro decenso Averni è che il vecchio tipo di mecenate è praticamente scomparso. — Arthur J. Penty Il ritardo o l’arretratezza critica è imperdonabile nei pochi che hanno effettivamente il potere di scegliere tra la nuova creazione e la copia banale. La capacità di fare quella scelta dipende dall’essere un intenditore non solo del passato, ma di vivere l’arte contemporanea. — Jacques Barzun C’è un divario tra ciò che pretendiamo di volere come civiltà e ciò per cui siamo disposti a pagare come popolo. — Jacques Barzun Quanto al piccolo mecenate, quanto sarebbe meglio se si desse il piacere e l’onore di aiutare il genio individualmente, piuttosto che gonfiare le tasche delle società erogatrici. Farà errori, ma su piccola scala rispetto a quelli dei Giants, e probabilmente imparerà anche da loro. Il patrocinio, come qualsiasi altra cosa, richiede pratica ed esperienza. Dare saggiamente e bene non è un risultato da poco. — Ernst Bacon Il giusto riconoscimento da parte di un artista, sia di assistenza, apprezzamento, lode o patrocinio, è un’opera nuova. Gli artisti, come i nostri figli, ci ringraziano attraverso la loro stessa prole. — Ernst Bacon Nessuno tranne il Maestro può promuovere la causa dell’art. I patroni aiutano il Maestro, questo è giusto e corretto; Ma questo non significa sempre che l’arte sia aiutata. — Johann Wolfgang von Goethe Nei primi anni del diciannovesimo secolo il significato stesso della parola patrocinio iniziò a degradarsi fino a quando, ai nostri giorni, un uomo può definirsi un mecenate delle arti se acquista un quadro dipinto trecento anni fa e lo presenta a un museo. può essere un uomo di squisita discriminazione e di benevolenza senza pari; Oppure può semplicemente essere desideroso di suggerire che una rapida acquisizione di denaro non ha impedito un’acquisizione di gusto simile. Forse sta facendo qualcosa che vale la pena fare, ma non lo è, tranne per gentile concessione del gergo del ventesimo secolo, un mecenate di qualsiasi cosa, o di chiunque. Il compito di un mecenate è molto meno costoso e molto più difficile. Si occupa di artisti vivi e sconosciuti. Deve avere il buon gusto per chiedere poesie o pittura o musica — o argento, ceramiche, mobili — e deve avere la perspicacia per scoprire l’artista che può fornirlo. Ha bisogno di tutta l’intuizione e del talento di un buon critico, ma, inoltre, la facoltà di vedere dove un giovane artista e non provato può sfruttare al meglio i suoi doni: ha bisogno della tolleranza e del tatto per assicurarsi che lo faccia. Non c’è da stupirsi che i grandi mecenati debbano essere così rari, o che i poeti avrebbero dovuto riconoscere così spesso il primato del patronato. Martial ha dato come sua opinione che se hai le tue mecenasi otterrai il tuo Virgilio: Sint Macenates, Non Deerunt, Flacce, Marones. — John Buxton milioni di persone vengono donate ogni anno a enti di beneficenza che aiutano i bambini paralizzati, gli anziani, i ciechi e tutti i tipi di sfortunati disabili; che è una causa perfettamente degna. Ma, d’altra parte, qualcuno ha pensato molto al pianto e disperato bisogno di aiutare l’esatto tipo opposto di esseri umani: gli abili, l’adattamento, i talenti e gli insoliti schiacciati da circostanze puramente materiali? L’idea che le difficoltà siano buone per il carattere e di un talento sempre in grado di sfondare è un vecchio errore. Il talento da solo è indifeso oggi. Qualsiasi successo richiede sia talento che fortuna. E la “fortuna” deve essere aiutata e fornita da qualcuno. Una persona di talento deve mangiare tanto quanto un disadattato. Una persona di talento ha bisogno di simpatia, comprensione e guida intelligente più che un disadattato. E sorge la domanda: chi è più degno di aiuto, il subnormale o il sopra normale? Chi è più prezioso per l’umanità? Quale dei due tipi è più prezioso per se stesso? Quale dei due soffre più acutamente: il disadattato, chi non sa cosa gli manca, o quello di talento che lo sa fin troppo bene? Non ho litigi con coloro che aiutano i disabili. Ma se solo un decimo del denaro dato per aiutarli fosse dato per aiutare il potenziale talento, le cose molto più grandi sarebbero realizzate nello spirito di un tipo di carità molto più alto. Il talento non sopravvive a tutti gli ostacoli. Infatti, di fronte alle difficoltà, il talento è il primo a perire: le piante più rare sono solitamente le più fragili. — Ayn Rand America non ha prodotto alcun corpo di veri mecenati d’arte. Ha semplicemente prodotto un ricco gruppo di ricchi collezionisti di dipinti, arazzi e antiche rarità. L’America finora non ha prodotto alcun dilettanti, nel senso europeo della parola: il tipo di persone che sono pieni di entusiasmo artistico, che sostengono l’opera degli artisti viventi, e che si dedicano alla nuova cosa nell’arte, ovunque in essa veda una traccia di genio. — Baron de Meyer Real Patronage: il supporto degli artisti e delle opere d’arte in lavorazione, il supporto di esperimenti, iniziative, tentativi falliti, collaborazioni, arte selvaggia e avanguardie, per non parlare del tipo di arte (sia visiva, filmica, teatrale, o acustico) che comporta esborsi di denaro molto grandi per materiali, spazio, squadre di collaboratori, apprendisti, fabbricanti e così via. — La Marjorie Garber Society ha una responsabilità nei confronti dell’arte, non il contrario. Le collezioni private e pubbliche non devono essere giustificate per motivi educativi o utilitaristici. Un oggetto d’arte richiede amore, attenzione e comprensione. È come il piccolo orfano che ha infilato una nota attraverso il recinto di ferro, dicendo: “Chiunque trovi questa nota, ti amo”. — Alastair Bradley Martin Quando ho promesso da giovane di collezionare le opere di artisti viventi, avevo poca idea della ricchezza, della varietà e della qualità dell’arte che mi sarebbe stata a disposizione, o del valore delle amicizie forgiate nel mondo dell’arte che sarebbe durato per tutta la vita. — Roy R. Neuberger Guarda intorno a te le immagini che ti piacciono davvero, e nell’acquisto che puoi aiutare un po’ di genio ma disgraziato — questa è la migliore espiazione che puoi fare a quella che hai trascurato — e dare al pittore vivente e in difficoltà salari e testimonianze. — John Ruskin Non è facile trovare un terreno comune tra coloro i cui interessi dettano dovrebbero dare solo ciò che devono, e coloro che si sentono spinti a dare senza limiti, cioè gli artisti nel senso più completo della parola. — Ernst Bacon

--

--